Centro Cultura e Arte 26 - Ricerca antropologica etnofotografica e promozione beni culturali, arte, tradizioni di Calabria

   mappa del sito  

   contatti  

   link  

sei in

PERCORSI

MEDITERRANEI


ARBERESHE

storia, beni culturali, tradizioni

GRECANICI

OCCITANI

CHIESE di Calabria

I PALMENTI

LUOGHI e SAPORI

PARCHI Nazionali

CASTELLI e torri

Isola di Dino

 

 

 

 

 

 

 

 

Percorsi mediterranei

itinerari turistici culturali in Calabria

tra i beni culturali, storico-artistici, ambientali, enogastronomici, prodotti tipici e tradizioni popolari calabresi, proposti attraverso lo strumento dell'Etnofotografia.


"Calabria sogno mediterraneo.
Calabria giardino d'Europa.
Non solo mare.
Emozioni mediterranee.
Calabria, culla di civiltà, da scoprire...
"

Tanti slogan per promuovere l'immagine di una terra, sconosciuta o misconosciuta a troppi, da tempo sospesa tra conservazione ed innovazione.

La Calabria, depositaria di inestimabili tesori di arte e di storia, per troppo tempo ha inseguìto il mito dello sviluppo attraverso l'industrializzazione; ed è rimasta mortificata e delusa dalla crisi della società postindustriale.

Non è ancora troppo tardi per prendere coscienza dell'immensa ricchezza che questa terra possiede, soggetta nel tempo alla legge inesorabile del progressivo disfacimento, per poter intervenire con una doverosa ed oculata azione di recupero e di tutela.

I Beni Culturali e ambientali (monumenti, Chiese, ruderi, torri, castelli, palazzi, musei, siti e parchi archeologici, parchi naturali, tradizioni popolari, religiose, alimentari) sono un'industria antica che può costituire una valida spinta allo sviluppo futuro della regione.

La promozione dell'educazione alla tutela del patrimonio culturale è strumento di sviluppo del territorio. Il patrimonio artistico-culturale è un'importante risorsa da salvaguardare.

Un bene culturale o ambientale non si conserva nelle sue caratteristiche costitutive solo perché vincolato: l'abbandono è distruttivo. Un bene si conserva quando è curato.

Un bene è curato, se è amato ed usato in modo da non alterarne o sminuirne l'insieme dei caratteri costitutivi.

Perché un bene sia amato, usato e curato non basta riconoscerne il valore (storico, artistico, naturalistico, ecologico, etc.) in riferimento al passato; occorre costruirne il valore nel presente, attraverso il riconoscimento sociale della sua importanza e la sua introduzione in circuiti virtuosi di uso e valorizzazione. In sostanza il bene deve essere vissuto come monumento ma anche come risorsa territoriale.

I Beni culturali, patrimonio dell'umanità, sono una fonte di cultura di primaria importanza per un popolo, che ha bisogno di ritrovare la propria identità, riscoprire la memoria storica e rispettarla.

"I Beni culturali sono testimonianze nel tempo che ha attraversato le civiltà e ritornano sotto le diverse forme a raccontare storie."

In un tempo in cui cresce sempre più l'interesse per i Beni culturali sono più che mai necessari validi progetti di tutela e valorizzazione.

Questa fonte culturale, strettamente legata alle realtà produttive del territorio, offre percorsi turistici, quindi opportunità e vantaggi economici.

Cultura ed economia sono elementi vitali che poggiano inevitabilmente su energici progetti di recupero, promozione e fruizione delle risorse culturali.

"Le risorse, i prodotti tipici, le peculiarità alimentari devono essere promossi, così come la ricchezza del paesaggio naturale, i suoi beni architettonici e culturali per offrire un'immagine storico-alimentare del territorio, capace di creare opportunità di sviluppo."

Per una giusta valorizzazione delle risorse è necessaria la conoscenza delle stesse; che tenga conto di tutti gli aspetti culturali del territorio: naturali, artistici, antropologici, religiosi, storici.

E questi percorsi hanno l'intento di fornire un valido contributo di conoscenza.

 

  inizio pagina 

 

©  Copyright 2005 - 2014  Tutti i diritti riservati - Centro Arte e Cultura 26 ( C.F:94001680787 )

Associazione culturale di ricerca antropologica etnofotografica fondata da Maria Zanoni nel 1978