Centro Cultura e Arte 26 - Ricerca antropologica etnofotografica e promozione beni culturali, arte, tradizioni di Calabria

   mappa del sito  

   contatti  

   link  

sei in

PERCORSI MEDITERRANEI

ARBERESHE


Comuni
Acquaformosa
Civita
Frascineto
Lungro
San Basile
San Demetrio C.
Spezzano A.
lingua
religione
tradizioni
costume
gastronomia
musei
video

LA LINGUA ARBERESHE (Italo-albanese)

La parlata degli Albanesi d'Italia


La lingua parlata dagli albanesi d'Italia è l'Arbëreshe, una varietà del tosk, il dialetto parlato nel sud dell'Albania, con alcune inflessioni tratte dal geg, il dialetto parlato nel nord dell'Albania, e contaminazioni sviluppatesi durante la permanenza in Italia. Nel 1908 si è deciso di accettare l'alfabeto latino.

Solo il 45% dei vocaboli arbëresh sono in comune con la lingua albanese; un altro 15% è rappresentato da neologimi creati da scrittori italo-albanesi e poi passati nella lingua comune; il resto è frutto di contaminazione con l'italiano ma soprattutto con i dialetti delle singole realtà locali.

Le parlate arbëreshe, pur mantenendo nella loro struttura fonetica, morfosintattica e lessicale tratti comuni, registrano variazioni consistenti da paese a paese.

L'ARBERIA, l'insieme di tutte le realtà storiche albanofone d’Italia, comprende in Calabria le Comunità albanofone di Acquaformosa [1353 abitanti al censimento Istat 2001], Castroregio [480 ab.] (con la frazione Farneta), Cerzeto [1467 ab.] (con le frazioni Cavallerizzo e San Giacomo), Civita [1125 ab.], Falconara Albanese [1416 ab.], Firmo [2460 ab.], Frascineto [2503 ab.] (con la frazione Eianina), Lungro [3145 ab.], Plataci [920 ab.], San Basile [1285 ab.], San Benedetto Ullano [1469 ab.] (con la frazione Marri), San Cosmo Albanese [702 ab.], San Demetrio Corone [3944 ab.] (con la frazione Macchia Albanese), San Giorgio Albanese [1709 ab.], San Martino di Finita [1294 ab.], Santa Caterina Albanese 1383 ab.], Santa Sofia d’Epiro [3131 ab.], Spezzano Albanese [7036 ab.] e Vaccarizzo Albanese [1326 ab.] in provincia di Cosenza;

Caraffa di Catanzaro [2084 ab.], Marcedusa [556 ab.] e Vena di Maida [1200 ab.] in provincia di Catanzaro;

Carfizzi [868 ab.], Pallagorìo [1627 ab.] e San Nicola dell’Alto [1105 ab.] in provincia di Crotone.

Ad Andali, Marcedusa, e Zangarona in provincia di Catanzaro l’albanese sarebbe prossimo all’estinzione, praticato ormai da meno di dieci persone; a Cervicati e Mongrassano in provincia di Cosenza il dialetto arbëresh risulta totalmente estinto.

In altre regioni vi sono comunità albanofone più o meno consistenti a Greci in provincia di Avellino, a Montecilfone, Portocannone, Ururi in provincia di Campobasso, a Barile, Casalnuovo Lucano, Ginestra, Maschito, San Costantino Albanese e San Paolo Albanese in provincia di Potenza, a Casalvecchio e Chieuti in provincia di Foggia, a Piana degli Albanesi, Santa Cristina di Gela, Contessa Entellina, a Mezzojuso e Palazzo Adriano in provincia di Palermo, a Villabadessa in provincia di Pescara, a Campomarino in quella di Campobasso, a San Marzano di San Giuseppe in provincia di Taranto.


Leggi di tutela minoranze

Il diritto ad essere minoranza e il diritto alla diversità sono riconosciuti nei testi normativi alla base delle istituzioni nazionali e internazionali (Unesco, Unione Europea, Consiglio d’Europa, Costituzione Italiana e poi a livello regionale).

La Regione Calabria, la più ricca di presenze minoritarie, approva la Legge regionale n° 15 nell’ottobre 2003, per la tutela e la valorizzazione della lingua e del patrimonio culturale delle sue minoranze linguistiche e storiche, riconoscendo “che la protezione e la valorizzazione delle lingue minoritarie contribuiscono alla costruzione di un'Europa fondata sui principi della democrazia e del rispetto delle diversità culturali e, in attuazione dell'articolo 6 della Costituzione e dell'art. 56 dello Statuto regionale lettera “r”, con propria Legge, ai sensi degli articoli 2 e 3 della Legge 15 dicembre 1999, n. 482, tutela le parlate della popolazione albanese, grecanica e occitanica di Calabria e promuove la valorizzazione e divulgazione del loro patrimonio linguistico, culturale e materiale”.

Le minoranze sono tutelate nella Costituzione dei Diritti dell’Uomo, in alcuni regolamenti dell’Unione Europea e nella Costituzione Italiana.

Nell’attuale contesto politico e istituzionale, si presenta all’attenzione generale, per un significativo consolidamento dell’Unione Europea, il dibattito sviluppatosi intorno all’articolo 12 della Costituzione, che, con l’aggiunta di un 2° comma, dà maggiore consapevolezza all’italiano, come lingua ufficiale della Repubblica; naturalmente nel rispetto delle garanzie che la Costituzione e le leggi costituzionali già riconoscono alle minoranze linguistiche.

In una società sempre più pluralista e diversificata, come quella che si sta affermando negli ultimi anni, in cui si stanno diffondendo comunità di diversa matrice e provenienza, si ravvisa la necessità di individuare elementi su cui basare l’integrazione in un tessuto comune; e la lingua risulta essere il primo meccanismo di socializzazione e di integrazione, affinchè non vengano irragionevolmente pregiudicati i diritti degli altri cittadini con un eventuale uso strumentale dell’autonomia culturale e linguistica.

L’UNESCO ha redatto un testo in cui vengono elencate le lingue in pericolo di estinzione, tra le quali sono citate il Provenzale, il Francoprovenzale e il Piemontese.

L’Unione Europea si è mobilitata per la stesura di una Carta delle lingue minoritarie, che rappresenta una sorta di “legge quadro” per la legislazione nazionale.

Le iniziative promosse e finanziate dalle Regioni seguono le direttive della legge nazionale, che si rivolge principalmente in queste direzioni: corsi di formazione e azioni di promozione; apertura di sportelli linguistici e servizi per le popolazioni locali; segnaletica in lingua minoritaria; pubblicazioni e finanziamenti per apertura e gestione di centri culturali.

<< torna a percorsi mediterranei   inizio pagina 
© pubblicato a luglio 2008  
 

©  Copyright 2005 - 2014  Tutti i diritti riservati - Centro Arte e Cultura 26 ( C.F:94001680787 )

Associazione culturale di ricerca antropologica etnofotografica fondata da Maria Zanoni nel 1978