Centro cultura e arte 26 - ricerca antropologica etnofotografica e promozione culturale

   mappa del sito  

   contatti  

   link  

sei in

GRANDI EVENTI

 

Festival Dialetto di Calabria


Bando 2017

il Dialetto

5° Festival 2016

4° Festival 2015

3° Festival 2014

2° Festival 2012

1° Festival 2011

 

FESTIVAL del DIALETTO e LINGUE MINORITARIE di CALABRIA

VOCI, COLORI E SAPORI DEL DIALETTO


seguici anche su Facebook 



BANDO CONCORSO 2017

 

Un grande evento internazionale, patrocinato dal MiBACT - Progetto Etnie e Lingue - Soprintendenza per i Beni storici, artistici ed etnoantropologici della Calabria, dalla Regione Calabria, dalla Provincia di Cosenza, dal Parco Nazionale del Pollino e varie Amministrazioni Comunali.

Nel segno del Dialetto, prezioso patrimonio da conservare, va il Festival del Dialetto e Lingue minoritarie di Calabria “VOCI, COLORI E SAPORI DEL DIALETTO”.

 

Il Festival itinerante, ideato da centro Cultura e Arte26, è partito nel 2010 da Castrovillari con un Convegno di presentazione “Lingua, radici e territorio - aspetti antropologici e culturali”, per fare tappa nei più suggestivi centri storici regionali con Recital di poesia dialettale, premi di fotografia e pittura “I colori del Dialetto nell’Arte”, Concorsi Letterari e rappresentazioni teatrali in dialetto calabro, lingua arbereshe, occitana e grecanica di Calabria nelle antiche piazze.

Ogni appuntamento si conclude con percorsi del gusto, dove si possono degustare i prodotti tipici regionali, in dimostrazioni enogastronomiche, spiegate rigorosamente in dialetto del luogo.

Una novità nel panorama culturale della Regione: un festival del dialetto che accorpa in un’unica manifestazione vari aspetti della parlata calabra e delle Lingue di minoranza, con pari dignità. Un evento legato, tramite il concorso letterario, agli emigrati in Argentina. Le opere che la Giuria ritiene più meritevoli vengono raccolte in Antologia e tradotte in Spagnolo per essere diffuse tra le associazioni di calabresi emigrati nell'America Latina.

Il Festival favorisce la conoscenza, la promozione e la conservazione di un patrimonio linguistico altrimenti in via di estinzione.

Il dialetto è inteso come lingua madre e non come vernacolo tout court, per celebrare l’identità, le tradizioni, attraverso il teatro, la musica, la pittura e la poesia.

Lo studio del dialetto tra storia e memoria, per la tutela della lingua delle nostre radici e per la conoscenza e conservazione delle tradizioni popolari, della storia e delle risorse del territorio.

La cultura del dialetto e delle Lingue Arbereshe, Occitana e Grecanica in chiave antropologica, letteraria ed artistica.

Attraverso la lingua si conosce la storia di una comunità, di un territorio ben inseriti in un comune contesto nazionale.

Il dialetto calabro, forma di socializzazione primaria fino alla seconda metà dell'Ottocento, ha derivazioni antichissime e presenta istanze storiche, artistiche ed antropologiche che meritano particolare attenzione.

La specifica parlata storicamente utilizzata nell’area settentrionale ed in quella meridionale della Calabria rappresenta per le comunità emigrate, elemento d’identificazione e di legame con la terra d’origine.

E proprio dall'Argentina è arrivato il primo segnale di interesse per questo evento.

 

La tutela e la promozione dei dialetti e delle parlate locali, oltre che delle lingue minoritarie Arbereshe, Occitane e Grecaniche di Calabria, rappresentano un contributo importante alla costruzione di un'Europa fondata sui principi del rispetto delle diverse identità culturali, mantenendo e sviluppando le tradizioni presenti sul proprio territorio.

 

L’evento coinvolge i giovani in un processo culturale che spazia su vari fronti: dagli usi e costumi popolari, alle tradizioni enogastronomiche ed alle produzioni artigianali, ai prodotti tipici, tutti legati alla parlata del luogo.

I vicoli, le piazzette ed gli antichi fondachi dei Centri storici, nel fare da palcoscenico naturale alle varie rappresentazioni, rivivono e riacquistano la dovuta dignità, invogliando al turismo culturale di qualità, e offrendo emozioni particolari con gli antichi portali, i palazzi storici, le chiese, le fontane, i castelli, tutti beni culturali che raccontano storie e leggende, soprattutto in dialetto, a cominciare dalla toponomastica.

 

Un patrimonio da conoscere e tutelare, per scongiurarne la scomparsa.

Con questo Festival a respiro non solo regionale, ma internazionale, si vuole allargare l’orizzonte alle varie realtà dialettali, cosicchè diventi habitus la conoscenza della lingua delle proprie radici.

 

 inizio pagina

vedi VIDEO 1° Festival edizione 2011:

 

http://www.youtube.com/watch?v=zaKUCfQo0bA  - ARCA Communication

 

http://www.youtube.com/watch?v=8rrXnt8QMag - WEB TV


 http://www.telecastrovillari.it/pollino-basilicata-calabria/libri/festival-del-dialetto-e-dizionario-etnofotografico.html   - TELECASTROVILLARI


http://www.youtube.com/watch?v=gSqnpdqGCDs  - YOUTUBE

 

 inizio pagina

vedi
VIDEO 2° Festival edizione 2012:

http://www.youtube.com/watch?v=8rrXnt8QMag - WEB TV

 http://www.telecastrovillari.it/pollino-basilicata-calabria/libri/festival-del-dialetto-e-dizionario-etnofotografico.html - TELECASTROVILLARI

http://www.youtube.com/watch?v=gSqnpdqGCDs  - Youtube

 

 

 inizio pagina

 vedi VIDEO 3° Festival edizione 2014:

 http://www.youtube.com/watch?v=zaKUCfQo0bA

 

 inizio pagina

 

vedi VIDEO 4° Festival edizione 2015:

 

 

<< torna a grandi eventi in Calabria
 
 inizio pagina
 

©  Copyright dal 2005 Tutti i diritti riservati - Centro Arte e Cultura 26 ( C.F:94001680787 )

Associazione di promozione culturale e ricerca antropologica etnofotografica fondata da Maria Zanoni nel 1978