Centro cultura e arte 26 - ricerca antropologica etnofotografica e promozione culturale

   mappa del sito  

   contatti  

   link  

sei in

LIBRI

Solstizio sul Piave

Ettore Manes


Indice Libri

Solstizio sul Piave

Ettore Manes ritratto di un eroe

 

Un libro sulla Prima Guerra Mondiale, la Grande Guerra, per celebrare il centenario e riflettere sul valore della pace


 

Autore: Claudia Rende
Edito da: Centro Arte 26 - Castrovillari (anno 2014)
Caratteristiche: 96 pagine formato 14\20 - n° 20 foto d'epoca
Prezzo: 10,00 Euro     ordina libro >>

 

Argomenti:

La grande guerra: cenni storici

 

L’alba del XX secolo

Le origini del conflitto

Alle armi!

L’Italia in guerra

 

Ritratto di un eroe

 

Eroi si nasce…

Per la Patria!

Non passa lo straniero

Il ritorno dell’eroe

All’Eroe

Presentazione

Il saggio delinea la figura del Capitano castrovillarese Ettore Manes, caduto a Fosso Palumbo (Treviso) nel 1918, a soli 24 anni, pluridecorato per meriti militari, spirito eroico, amante della Patria e grande esempio di nobiltà d'animo.

Egli scrisse una pagina di storia tragica dell'Italia in un conflitto nel quale la Calabria si è distinta tra le regioni con il maggior numero di mobilitati effettivi (78%) e, purtroppo anche di soldati morti, segno tangibile dell’entusiasmo e del senso del dovere delle regioni meridionali, che hanno pagato con il sacrificio delle loro genti l’impegno unitario

Nel volume, corredato da foto d'epoca, ogni singolo documento è contestualizzato nell’esperienza di guerra di un soldato esemplare, che può essere da stimolo per promuovere la conoscenza della storia tra le generazioni più giovani e valorizzare il patrimonio storico di luoghi e memorie della prima Guerra Mondiale.

Dopo una sintesi delle vicende della grande guerra, che portò importanti novità in campo strategico-militare, come i mezzi blindati, i gas asfissianti, le mitragliatrici, il saggio mette in evidenza le atrocità del conflitto, gli stenti dei soldati nelle trincee, l'elevato numero di morti, dispersi e feriti.

Insomma, l’evento che avrebbe dovuto rigenerare la società italiana e europea, sembrò aver prodotto l’esatto opposto.

 

Cosicchè oggi ricordare quella atroce esperienza può servire a far riflettere sul valore della pace, per sfatare il mito dell’"esperienza di guerra", secondo il quale la nazione acquistava un carattere sacrale e religioso e il sangue dei caduti appariva un giusto tributo.

La ricerca è incentrata sulla contestualizzazione della storia locale in quella generale, lasciando parlare le tracce che fanno la storia, con l'obiettivo di ricordare la guerra, per costruire la pace.

 
Recensione di Pierfranco Bruni

 

Ettore Manes, eroe nella Grande Guerra, in difesa dell’identità nazionale

Nella Prima Guerra Mondiale, come nella storia del Risorgimento italiano e nella stagione pre e post unitaria siamo oltre Porta Pia, ci sono stati soldati, ufficiali e militari di origine Italo - albanese che si sono contraddistinti per la loro azione. È una storia sempre più articolata che rientra in quel processo etno – antropologico che ha caratterizzato anche l’identità di una Nazione.

In fondo una Nazione è un intreccio di etnie con alla base una forte capacità di appartenenza ad un incontro tra civiltà e popolo.

Se il Risorgimento è stato una fucina, rivoluzionaria o tradizionalista, per personalità del mondo Arbereshe c’è da sottolineare che un ruolo significativo hanno rivestito quelle personalità che hanno partecipato, in termini interventisti o in azioni militari vere e proprie, alle imprese che hanno permesso alla Grande Guerra di essere riferimento, in una strategia geo – politica tra un mondo  che trasformava i confini, tra Paesi nell’incrocio tra Europa occidentale e dimensioni geografiche di un Oriente che tuttora presenta delle complessità politiche e delle realtà contestualizzate.

A fare la storia non sono soltanto, o non sono state soltanto, le grandi azioni o gli scontri di eserciti sul piano militare. La storia è stata fatta e continua a vivere la tradizione di un popolo attraverso i suoi eroi.

Il mondo Arbereshe ha avuto degli eroi che hanno difeso e sono morti per una identità che è quella italiana.

Il libro, molto attento e resta pietra miliare all’interno dei processi che compie la microstoria dentro la grande storia, di Claudia Rende, dedicato a Ettore Manes, è uno scavo non solo nella riproposta di questo eroe morto a solo 24 anni in un “solstizio” sul Piave, ma costituisce una chiave di lettura per entrare nel rapporto tra visione complessiva dei fenomeni, che hanno portato allo scontro mondiale, ed episodi che vanno considerati non in termini generali, ma, come fa bene la Rende, sul piano della loro singolarità.

Ettore Manes di Castrovillari, provincia di Cosenza, al quale è stata dedicata la locale Caserma, è un indelebile scavo nella coscienza di un popolo.

Il libro sottolinea, costantemente, questa versione perché giustamente, come dice la Rende, “le tracce fanno la storia”.

Il  saggio, il cui titolo è  prettamente dannunziano: “Solstizio sul Piave. Ettore Manes ritratto di un eroe”,  è pubblicato, in una pregevole veste editoriale, da “Arte26Editore”.

Quali sono i punti salienti del lavoro?

Il concetto di eroe, e Manes è tale.

La impostazione della struttura della ricerca che ha come punto di partenza l’identità di Patria, e lo si nota già con la citazione di Giuseppe Garibaldi recuperata nelle sue “Memorie”, anni 1860.

La problematica generale che si muove tra la storia “storicizzata” e la storia vissuta da personaggi come Giuseppe Ungaretti e lo stesso Gabriele D’Annunzio.

La sottolineatura sulla interpretazione di una guerra guerreggiata tra i corpi della fanteria.

La documentazione con alcuni documenti e foto che arricchiscono la ricerca.

Da questa impostazione il capitano Ettore Manes assurge chiaramente non solo ad eroe, ma viene preso come esempio per una generazione che ha fortemente creduto nell’identità di Patria.

Qui mi pare che la questione diventa fortemente innovativa.

L’esempio nell’eroicità per una Patria che è identità.

Credo che è su questa strada che bisogna insistere come bisogna dare un senso a quel valore “etnico”, se si vuole chiamarlo così, che era nel cognome Manes.

L’Arbreshità non è una koiné. Anzi sarebbe potuta diventare un conflitto, ma se un merito va dato al popolo Arbreshe, in queste circostanze (dall’Unità d’Italia alla Grande Guerra sino al Secondo conflitto mondiale), è quello di essere stato italiano, pur nella sua etnicità, sino a difendere l’onore della Patria in un conflitto che vedeva schierati non solo le potenze austro – ungariche, ma anche le Nazioni dei Balcani.

In fondo è proprio nella geografia dei Balcani che si accende la fiamma del conflitto.

Manes, eroe nella (e della) trincea della guerra, ma profondamente radicato ad una identità della Nazione e il suo sacrificio viene compiuto nel nome della Patria.

Il libro è un contributo notevole, soprattutto per ciò che si andrà a dire nei prossimi mesi intorno al dibattito tra cause, concause ed eroismo dei soldati italiani nella Grande Guerra.

Ettore Manes era nato nel 1893 a Castrovillari. Muore nella “Battaglia del Solstizio” o seconda Battaglia del Piave. Era il 1918.

 

  inizio pagina 

<< torna all'indice libri

 

©  Copyright 2005 - 2015  Tutti i diritti riservati - Centro Arte e Cultura 26 ( C.F:94001680787 )

Associazione culturale di ricerca antropologica etnofotografica fondata da Maria Zanoni nel 1978