Centro cultura e arte 26 - ricerca antropologica etnofotografica e promozione culturale

   mappa del sito  

   contatti  

   link  

sei in

LIBRI

 

Piatti e gulìe
Ricettario illustrato

Indice Libri

 

Piatti e gulìe

cibo e gusto di Calabria

RICETTARIO ILLUSTRATO


Autore

 Maria Zanoni

 

Edizione

Cultura e Arte26

 

Caratteristiche

volume di 304 pagine

    formato 17x24

 

Prezzo

€ 15,00   ordina libro

   

 

Presentazione

UN LIBRO DA GUSTARE

Antiche ricette e piatti tipici della tradizione mediterranea di Calabria

“Piatti e gulìe" - Cibo e gusto di Calabria - il nuovo libro di Maria Zanoni, edito da Arte26 in questo 2018, anno del cibo italiano nel mondo, sarà presentato in varie città, con il Patrocinio del MiBAC-Soprintendenza Archeologica bap-CS, Regione Calabria, Provincia di Cs, Ente Parco Pollino, Comune di Marcellinara (CZ) e Comune di Castrovillari, con  il preciso intento di mantenere vive le tradizioni enogastronomiche, le ricette della secolare tradizione calabrese, quelle antiche, usanze alimentari ormai perdute, che il tempo va cancellando dalla memoria anche dei meno giovani.

Questa ricerca sulle antiche abitudini alimentari calabresi, iniziata alcuni anni fa con metodo etno-antropologico, attraversa la Calabria dall’area del Pollino, alla costa jonica, a quella tirrenica, alla Sila, all’area interna del catanzarese, alla coste meridionali fino al reggino, comprese le aree abitate dalle minoranze etnolinguistiche (Arbëreshe, Grecanici e Occitani) evidenziandone le tipicità, le produzioni naturali, i prodotti esclusivi legati al territorio.

Una Guida-ricettario illustrato che propone a fianco ai metodi di preparazione delle pietanze, con riferimenti alle loro origini storiche, la fotografia, non quella d’arte con fini estetici, ma quella che ha funzione esplicativa, che può tornare utile sia a chi vuole imparare a cucinare, come a chi sa già cucinare e vuole conoscere la storia del proprio territorio dal piatto, ed anche a chi, appassionato di cucina, ama reinterpretare ed elaborare a suo gusto le pietanze, tenendo come riferimento le ricette tradizionali, apprese dalle nonne, non le elaborazioni di chef affermati; inoltre può servire a chi vuole reinterpretare o rivisitare con fantasia e maestria, antichi piatti tipici della zona di appartenenza che si tramandano di generazione in generazione.  I piatti tipici della tradizione contadina, appartenenti a rituali alimentari legati all’antica sacralità naturalistica, che nel tempo, sono stati trasformati, con l’immissione di salse e condimenti provenienti da altre culture.

E considerato che la società sazia e consumistica di oggi, col progressivo livellamento delle classi sociali, l’avanzata inarrestabile della massificazione dei gusti e delle abitudini, la desacralizzazione dell’esistenza, sta sgretolando gli antichi modelli, in funzione di un’alimentazione standardizzata, omologante, all’insegna degli stili moderni, self service e fast food, si è molto allontanata dagli antichi modelli gastronomici, l'antropologa Zanoni propone questo nuovo lavoro, nella  speranza che il mangiare, lo stare a tavola torni ad essere basato sulla socialità, sullo stare bene insieme, sulla dimensione conviviale, sulla comunicazione, sulla lentezza della cottura, sulla genuinità e salubrità.

Piatti e gulìe attraverso il cibo racconta la storia dei luoghi. Ogni pietanza è, simbolicamente, uno strumento di mediazione tra l’individuo e la realtà che lo circonda.

Dal variare dei metodi e dei modelli alimentari si conoscono i profondi mutamenti  della società, tenuto conto delle diverse vicende storiche, della posizione geografica della regione, del clima, dei prodotti e della cultura nella sua accezione più ampia.

Ogni territorio ha le sue tipicità: cultura, paesaggio, saperi, sapori e linguaggi, che vanno riscoperti e valorizzati.

 

 

torna all'indice libri

  inizio pagina 

 

©  Copyright dal 2005 Tutti i diritti riservati - Centro Arte e Cultura 26 ( C.F:94001680787 )

Associazione di promozione culturale e ricerca antropologica etnofotografica fondata da Maria Zanoni nel 1978